F.LLI DE PRA SpA
Viale Cadore, 69 - 32014 Ponte Nelle Alpi (BL) - Italia | P.I. 00060010253 | Tel. +39 0437 990041 | Fax. +39 0437 990042 | info@gruppodepra.com | cs 1.000.000 iv I Privacy Policy e Cookie Policy

Calcestruzzi Dolomiti fa parte del Gruppo De Pra

Il calcestruzzo SCC.CONCRETE, prodotto di Calcestruzzi Dolomiti, diventa indispensabile per tutte quelle strutture che presentano un’alta densità di armature metalliche soprattutto se riferite a strutture con forme e geometria molto complesse.

CARATTERISTICHE

  • ​ELEVATA FLUIDITÀ E SCORREVOLEZZA

  • MINOR COSTO DELLA MANODOPERA

  • MIGLIORA IL FACCIA VISTA

  • NON NECESSITA DI VIBRAZIONE​

Un calcestruzzo fibrorinforzato possiede un’elevata capacità, rispetto ad un calcestruzzo tradizionale, di dissipare energia resistendo ai carichi di tipo impulsivo (urti, scoppi, azioni cicliche...).

SPECIFICHE DI PRODOTTO E PROPRIETÀ

Dosaggio di cemento + filler > 500 Kg/mc.
Diametro massimo aggregato ≤ 20 mm
Classi di resistenza alla compressione Rck ≥35
Massa volumica SCC.CONCRETE (Kg/mc) 2350 ÷ 2450

 


Slump Flow > 600 mm
V- Funnel (svuotamento in secondi) 2 ÷ 12
L-BOX (svuotamento in secondi) 5 ÷ 12

Prova di Slump Flow

VANTAGGI TECNICI
Il vantaggio fondamentale dell’utilizzo del calcestruzzo autocompattante è quello di  rendere la struttura reale indipendente dalla manodopera disponibile e dai sistemi di compattazione e posa in opera perché calcestruzzo viene gettato senza alcun ausilio di vibrazione.

 

Inoltre vengono ridotti drasticamente i tempi di getto e di esecuzione delle strutture, sono migliorate le caratteristiche di faccia vista del calcestruzzo, eliminando quasi completamente le bolle d’aria.

 

Si può calcolare che l’impiego del calcestruzzo autocompattante può ridurre i
tempi di esecuzione delle opere di circa il 20 ÷ 25%.

MIX DESIGN
Maggior volume del materiale con finezza superiore a 150 μm (cemento, aggiunte minerali, frazioni finissime degli aggregati).

 

Minor contenuto di aggregati grossi (il volume non dovrebbe superare i 340/mc la cui pezzatura massima non deve superare i 20 mm per garantire un migliore scorrimento.
 

Utilizzo di specifici additivi superfluidificanti a base acrilica e di un agente modificatore di viscosità per limitare il fenomeno della segregazione del conglomerato.

MODALITÀ DI GETTO E DI STAGIONATURA

Il calcestruzzo autocompattante si pompa più facilmente grazie alla sua elevata quantità di parti fini, al momento dello scarico con la pompa è da prevedere una perdita di lavorabilità e di pressione alla fuoriuscita del calcestruzzo dovuta all’aumento di velocità del calcestruzzo all’interno delle tubazioni.

 

L’aumento della velocità di pompaggio e l’aumento di velocità di posa in opera producono un aumento della spinta sui casseri che pertanto debbono essere opportunamente dimensionati.

 

É necessario verificare che le casseforme siano verificate per la tenuta e che le fessure tra i pannelli di armatura siano sigillate al fine di evitare perdite di boiacca verso l’esterno.

 

Il calcestruzzo SCC.CONCRETE può avere un rapido essiccamento superficiale, pertanto è necessario mantenere la superficie del calcestruzzo sufficientemente umida o proteggerla con agenti stagionanti o antievaporanti. opportunamente dimensionati.

 

É necessario verificare che le casseforme siano verificate per la tenuta e che le fessure tra i pannelli di armatura siano sigillate al fine di evitare perdite di boiacca verso l’esterno.