F.LLI DE PRA SpA
Viale Cadore, 69 - 32014 Ponte Nelle Alpi (BL) - Italia | P.I. 00060010253 | Tel. +39 0437 990041 | Fax. +39 0437 990042 | info@gruppodepra.com | cs 1.000.000 iv I Privacy Policy e Cookie Policy

Calcestruzzi Dolomiti fa parte del Gruppo De Pra

ISO.CONCRETE, prodotto Calcestruzzo
Dolomiti, è un calcestruzzo leggero isolante di densità compresa solitamente tra 500 e 1000 Kg/mc. costituito da cemento, sabbia ed aggregato leggero nella fattispecie da polistirolo espanso macinato.

CARATTERISTICHE

  • ISOLAMENTO TERMO-ACUSTICO

  • LEGGEREZZA

  • BASSA CONDUCIBILITÀ TERMICA

ISO.CONCRETE è costituito da polistirolo espanso a struttura cellulare, avente una granulometria non superiore a 8 mm.

La densità di ISO.CONCRETE può variare tra i 500 ed i 1000 Kg/mc ed è quindi possibile conformarsi alle specifiche richieste fisiche del progetto quali l’isolamento termoacustico, la resistenza alla diffusione del vapore e la resistenza meccanica a compressione.

 

ISO.CONCRETE è trasportato con autobetoniere come un qualsiasi calcestruzzo
ordinario e in cantiere può essere messo in opera con gli abituali sistemi: scarico
libero, benne a tondo apribile, con pompa.

 

Con il pompaggio si possono raggiungere notevoli distanze di messa in opera sia
in orizzontale che in verticale. Vista la densità di ISO.CONCRETE, il lavoro di distribuzione e rifinitura superficiale risulta molto agevole.

 

Il materiale è caratterizzato da durabilità e stabilità dimensionale. Dopo poche ore dal getto è già possibile camminare sulla sua superficie.

APPLICAZIONI
ISO.CONCRETE 500 (densità 500 Kg/mc) e 1000 (densità 1000 Kg/mc) vengono utilizzati per molteplici applicazioni nel campo della coibentazione termica e acustica.

 

È anche possibile, con strati sufficientemente spessi, garantire protezione dall’assorbimento termico durante il periodo estivo.


I principali settori di intervento sono:
• sottotondi isolanti per pavimentazioni e sottotetti;
• massetti di alleggerimento per formazione di pendenze su tetti piani e terrazze;
• cappotti isolanti su tetti inclinati:
• riempimento leggero per coperture nervate in lamiera grecata;
• riempimento di intercapedini


Con questo materiale è anche possibile realizzare componenti modulari per edilizia residenziale o meno, quali partizioni interne di spessore 6-8 cm, larghezza 60-80 cm. e altezza di piano, come pure pareti di tamponamento esterne preassemblate costituite da intelaiature portanti sui lati esterni e riempite con ISO.CONCRETE, conferendo così caratteristiche isolanti ben definite.

CARATTERISTICHE TECNICHE
Resistenza a compressione.
I valori di resistenza alla compressione comunemente ottenibili
alle varie densità sono indicativamente riportati nel grafico di Fig. 1.
• Per ISO.CONCRETE 500 = 1,00 MPa
• Per ISO.CONCRETE 1000 = 1,20 MPa

Figura 1

Resistenza al gelo.
ISO.CONCRETE ha un ottimo comportamento anche nei riguardi del gelo dovuto alla bassa conducibilità termica che permette una lenta dissipazione verso l’esterno del calore di idratazione.

 

Conducibilità termica.
L’andamento del coefficiente di conducibilità termica in funzione della densità è riportata nel grafico di Fig. 2.


• Per ISO.CONCRETE 500 = 0,130 W/(m°C)
• Per
ISO.CONCRETE 1000 = 0,080 W/(m°C)


Abbattimento del livello di rumore da calpestio. Il valore ottenuto a 500 Hz di frequenza è pari a 60 dB, quindi il materiale è perfettamente conforme ai limiti stabiliti dalla normativa (Circolare Ministero LLPP. n. 1769, 30 aprile 1966).

Figura 2 

Resistenza alla diffusione del vapore
ISO.CONCRETE 500 presenta un valore medio di μ pari a 14.
Nel grafico di Fig. 3 si riporta l’andamento medio di μ in funzione della densità.

Figura 3

Infiammabilità
Da prove effettuate risulta che la velocità di combustione è da ritenersi nulla.


Ritiro
In
ISO.CONCRETE 500 non sussistono restrizioni alla deformazione della pasta cementizia vista la debole resistenza a compressione degli aggregati in polistirolo.

 

In generale i 2/3 del ritiro globale avvengono nel giro di alcune settimane: questo dato è comunque subordinato alla «densità diffusa» del polistirolo entro la massa.